Elenco dei giudizi di gravità riportati nel verbale di accertamento

14/12/2017
Novità
sei in HomePage / Tutela disabili / Minorazioni civili e benefici ottenibili
Novit
Elenco dei giudizi di gravità riportati nel verbale di accertamento
Assenza di patologia o con una riduzione delle capacità inferiore ad un terzo
Cieco assoluto
Cieco con residuo visivo non superiore ad un ventesimo in entrambi gli occhi
Invalido con riduzione permanente con invalidità pari o superiore al 74 per cento
Invalido con totale e permanente inabilità lavorativa
Invalido con totale e permanente inabilità lavorativa 100 per cento e impossibilita a deambulare
Invalido con totale e permanente inabilità lavorativa impossibilitato a svolgere gli atti quotidiani della vita
Minore con difficoltà a svolgere le funzioni proprie dell´età con perdita uditiva
Persona con handicap con connotazione di gravità
Persona con handicap senza connotazione di gravità
Persona con handicap superiore ai due terzi
Riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore a due terzi
Riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad un terzo
Sordomuto
Ultra65enne con difficoltà persistenti a svolgere le funzioni proprie della sua età
Ultra65enne con impossibilità a deambulare senza l´aiuto permanente di un accompagnatore
Ultra65enne con necessità di assistenza non essendo in grado di svolgere gli atti quotidiani della vita

In pratica, le definizioni utilizzate dalle Commissioni Asl competenti, nei verbali di accertamento delle invalidità, sono risultate essere le seguenti:
1) non invalido - assenza di patologia o con una riduzione delle capacità inferiore ad 1/3.
2) invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971).
3) invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ai 2/3 (artt. 2 e 13, L. 118/1971).
4) invalido con riduzione permanente con invalidità pari o superiore al 74% (artt. 2 e 13, L. 118/1971).
5) invalido con totale e permanente inabilità lavorativa (artt. 2 e 12, L. 118/1971): 100%.
6) invalido con totale e permanente inabilità lavorativa 100% e impossibilità a deambulare senza l'aiuto permanente di un accompagnatore (L. 18/1980 e L. 508/1988).
7) invalido con totale e permanente inabilità lavorativa 100% e con necessità di assistenza continua non essendo in grado di svolgere gli atti quotidiani della vita (L. 18/1980 e L. 508/1988).
8) minore con difficoltà persistenti a svolgere le funzioni proprie dell'età o con perdita uditiva superiore a 60 decibel nell'orecchio migliore nelle frequenze 500, 1000, 2000 hertz (L. 289/1990).
9) cieco con residuo visivo non superiore ad un ventesimo in entrambi gli occhi con eventuale correzione (L. 382/1970 e 508/1988).
10) cieco assoluto (L. 382/1970 e L. 508/1988).
11) sordomuto (L. 381/1970 e L. 508/1988).
12) ultra65enne con difficoltà persistenti a svolgere le funzioni proprie della sua età (art. 9 D.Lgs. 509/1988).
13) ultra65enne con impossibilità a deambulare senza l'aiuto permanente di un accompagnatore (L. 18/1980 e L. 508/1988).
14) ultra65enne con necessità di assistenza continua non essendo in grado di svolgere gli atti quotidiani della vita (L. 18/1980 e L. 508/1988).
Puoi effettuare la stessa operazione con il tuo verbale di handicap (Legge 104/1992).
Le definizioni per le minorazioni civili solitamente sono:
- Persona non handicappata
15) Persona con handicap (articolo 3, comma 1, Legge 104/1992)
16) Persona con handicap con connotazione di gravità (articolo 3, comma 3, Legge 104/1992)
17) Persona con handicap superiore ai 2/3 (articolo 21, Legge 104/1992)
A ciascun minorazione civile corrispondono per legge determinati benefici e/o agevolazioni che verranno puntualmente evidenziati nell’ambito di questa rubrica, senza la pretesa di non aver trascurato qualche informazione o di averla riportata in modo inesatto e non aggiornato





Tematiche Legali Informazioni Legali Quesiti e Risposte Tutela lavoratori e pensionati





disclaimer



Novità