Tutela degli Animali

14/12/2017
Novità
sei in HomePage / Tematiche legali / Tutela degli Animali
Novit
Tutela degli Animali
Anagrafe canina
Come regolarizzare il proprio animale
Competenze del Giudice di Pace sulla tutela degli animali
Condominio e animali o animali in condominio
Corte di Cassazione in tema di cani in appartamento
Definizione di animale
Delitti contro il sentimento per gli animali
Diffusione di malattia degli animali
Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone
Divieti per disincentivare l´aggressività
Divieto di maltrattamento degli animali
Giurisprudenza sulle problematiche condominiali riguardo animali
Identificazione del cane
Il microchip
Importazione illecita di specie protette
Maltrattamento di animali
Omessa custodia e malgoverno di animali
Passeggiare con il cane, ordinanze del sindaco e buone regole
Prevenzione del randagismo legge
Prima di intraprendere un viaggio con il vostro cane
Protezione animali
Sanzione penale per uccisione di animali altrui
Sanzioni penali per abbandono di animali
Tutela dell´incolumità pubblica dall´aggressione di cani
Uccisione o danneggiamento di animali altrui
Utilità dell´ Anagrafe canina
Consigli per viaggiare in aereo con il vostro cane
Consigli per Viaggiare in nave e traghetto con il vostro cane
Consigli per il viaggio in autovettura con il vostro cane
Consigli per viaggio in treno con il vostro cane

Tutela giuridica degli animali è una rubrica ricca di approfondimenti sugli aspetti procedurali e sostanziali correlati alle regole di applicazione della normativa a tutela degli animali, permettendo così la tutela sostanziale dell'animale troppo spesso vittima di maltrattamenti.

E' una rubrica che mette in evidenza la normativa di riferimento posta a tutela dei diritti degli animali e le problematiche scaturenti dal non rispetto di semplici regole di comportamento (si pensi ad un cane incatenato, ad un astice vivo adagiato sul ghiaccio, ai richiami vivi per l'attività venatoria o ai collari elettrici).

In quest'area del progetto, verranno illustrati temi generali inerenti la portata applicativa dei delitti contro gli animali previsti dal capo IX bis del codice penale 'dei delitti contro il sentimento per gli animali', mediante analisi dell'evoluzione giurisprudenziale in tal senso.

Saranno oggetto di studio tematiche legali e giurisprudenziali relative alla tutela penale ed amministrativa degli animali destinati alla macellazione e della fauna selvatica.

Verrà evidenziato come il legislatore, nel tempo, ha progressivamente superato la visione secondo cui l'animale andava tutelato solo indirettamente in quanto proprietà di qualcuno e, quanto meno per determinati tipi di animali, ha iniziato a tutelarli direttamente.

Anche i regolamenti emanati dai svariati comuni d'Italia, in base alla Legge 281/91, finalizzati a promuovere e disciplinare la tutela degli animali da affezione, saranno oggetto di dissertazione e studio.

Gli argomenti e le riflessioni su cui è stato fino ad oggi orientato lo studio della normativa e della giurisprudenza di riferimento sono quelli di seguito riportati:

Gli animali non sono cose.

Dopo l'evoluzione del Codice Penale ora si mira a quello del Codice Civile;
L'evoluzione della normativa sulla tutela giuridica degli animali;
Il riconoscimento giuridico dei diritti dell'animale cosiddetto familiare;
Il riconoscimento dei danni morali, biologici, esistenziali, patrimoniali per gli animali;
Cenni giuridici sugli animali tutelati nel particolare contesto della separazione dei suoi proprietari e nella cause ereditarie;
Prestare soccorso agli animali in ossequio alle previsioni normative del codice della strada;
Norme riguardanti gli animali in contesti condominiali o in luoghi aperti al pubblico;
L'importanza dell'art. 842 per capire come non avere i cacciatori nella vostra proprietà privata;
I pro e i contro dei risultati conseguiti con la nuova normativa penale;
Investigazioni difensive della parte lesa nei reati contro gli animali;
I principali obblighi contemplati dalla legge a carico dei possessori di animali;
Cenni sulle condotte illecite di maltrattamento di animali, cattura di animali, abbandono di animali, avvelenamento di animali e detenzione o commercio di fauna selvatica;
Cenni giuridico normativi sull'accesso degli animali negli arenili e sui servizi di trasporto pubblico;
Aspetti giurisprudenziali e normativi sul Divieto di offrire animali in premio, vincita, oppure omaggio, divieto di accattonaggio con animali oppure sul divieti e regolamentazione di spettacoli e intrattenimenti con l'utilizzo di animali.

Per effettuare gli approfondimenti giuridici presenti nella ricerca sull'attuale tema del diritto degli animali si farà cenno alla seguente normativa di riferimento:
Decreto Legislativo n. 20 in data 24.02.2012 (codice ordinamento militare - riguardo a Sanità veterinaria), in vigore dal 27.03.2012 e concernente le -Modifiche ed integrazioni al d. lgs. n. 66 in data 5.03.2010;

D.Lgs del 7.07.2011 (attuazione Direttive 2008/119/CE e 2008/120/CE rispettivamente relative alle norme minime per la protezione dei vitelli e dei suini-), pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 177 in data 1.08.2011;
Legge 120/2010 che ha stabilito nuove disposizioni di soccorso e sicurezza stradale per animali.

La normativa verrà studiata limitatamente alla parte che riporta le modifiche del Codice della strada per una maggiore tutela degli animali vittime di incidenti stradali;
Legge n. 201 del 4/11/2010, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 283 del 3.12. 2010, concernente la ratifica ed esecuzione della convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia, stipulata a Strasburgo il 13 novembre 1987 e altre norme di adeguamento dell'ordinamento interno.

Legge n. 60 in data 8.02.2006, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 52 del 3 marzo 2006, che ha apportato modifica alla legge n. 37 del 14 febbraio 1974 in materia di accesso dei cani guida dei ciechi sui mezzi di trasporto pubblico e negli esercizi aperti al pubblico;
Legge n. 189 in data 20.07.2004, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 178 in data 31.07.2004, che ha apportato modifiche al codice penale per uccisione e maltrattamento di animali;
D.Lgs n. 267 in data 29.07.2003, (attuazione Direttive 1999/74/CE e 2002/4/CE a protezione di galline ovaiole e registrazione stabilimenti d'allevamento), pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 219 in data 20.09.2003;
DLgs n.146 in data 26.03.2001 (attuazione Direttiva 98/58/CE relativa a protezione animali in allevamenti), pubblicato nella Gazzetta Ufficiale Italiana n. 95 in data 24.04.2001;
D.Lgsl n. 333 in data 1.09.1998 (attuazione Direttiva CE 93/119 protezione animali durante macellazione o abbattimento) pubblicato sulla G.U. n.226 del 28-9-1998;
Legge n.157 in data 11.02.1992 (norme protezione fauna selvatica selvatica omeoterma e per prelievo venatorio), pubblicata sulla Gazzetta Uff. in data 25.02.1992, n. 46 - S.O. n. 41;
Legge n. 281 in data 14.08.1991, (L. Quadro su animali d'affezione e prevenzione del randagismo), Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 203 in data 30.08.1991.

Relativamente al codice penale, gli articoli di interesse sono risultati essere quelli relativi ai delitti contro il sentimento per gli animali:
Art. 544-bis. (Uccisione di animali)
Art. 544-ter. (Maltrattamento di animali)
Art. 544-quater. (Spettacoli o manifestazioni vietati)
Art. 544-quinquies.(Divieto di combattimenti tra animali)
Art. 544-sexies. (Confisca e pene accessorie)
Art. 659 Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone.
Art. 672Omessa custodia e mal governo di animali.
Art. 727 Abbandono di animali

Invece, per quel che riguarda il codice civile verranno attenzionati gli articoli contenuti nel libro quarto -delle obbligazioni-, titolo IX -dei fatti illeciti- che pur riferendosi alle responsabilità delle persone risultano di interesse per lo studio della normativa avente ad oggetto gli animali:
Art.2043 (Risarcimento per fatto illecito)
Art.2044 (Legittima difesa)
Art.2045 (Stato di necessità)
Art.2050 (Responsabilità per l'esercizio di attività pericolose)
Art.2052 (Danno cagionato da animali)
Art.2055 (Responsabilità solidale)

Le sentenze di merito e di legittimità che hanno fatto giurisprudenza saranno richiamate nelle pagine della rubrica per supportare le dissertazioni proposte.

Tra la giurisprudenza consultata, cito quella di seguito riportata:

Sentenza n. 26368/2011della Corte di Cassazione Terza Sez. Penale della relativa alla condotta illecita di maltrattamento di cui all'art. 544-ter c.p. per aver legato un cane con una catena troppo corta;

Sentenza della Corte Costituzionale n. 20 in data 9 febbraio 2012 che ha stabilito l'illegittimità e la non validità dei calendari venatori emanati da Lombardia, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Abruzzo, provincia di Trento e Bolzano.

In pratica, la sentenza ha stabilito l'illegittimità dei calendari venatori in quanto emanati come fossero leggi e non come delibere.

Con la sentenza in argomento la corte costituzionale ha precisato che solo lo Stato ha il diritto di emanare leggi in materia di tutela delle specie cacciabili.





Tematiche Legali Informazioni Legali Quesiti e Risposte Tutela lavoratori e pensionati





disclaimer



Novità