Occupazione abusiva di proprietà privata

21/09/2014
Novit
sei in HomePage / Tematiche legali / Condominio
Novit

Il proprietario escluso di un bene immobile può agire nei confronti del possessore e/o del detentore “abusivo” alternativamente con l'azione di restituzione dei frutti civili ovvero con l'azione di risarcimento danni.
L'azione di restituzione dei frutti civili, che trova la sua fonte normativa nell'art. 2033 c.c. presuppone tuttavia la loro effettiva percezione, restando quelli percipiendi azionabili ex art. 1148 c.c solo nei confronti del possessore (e non già del mero detentore) tanto di buona quanto di mala fede.
L'azione di risarcimento danni da occupazione abusiva presuppone la prova del danno conseguente che deve essere ben distinto rispetto alla mancata disponibilità dell'immobile che in sé concreta solo la violazione del diritto di proprietà. "

Ecco una rassegna delle azioni esperibili a tutela dei diritti di godimento e del possesso.
Il panorama si presenta alquanto vario; troviamo, infatti, le azioni concesse al solo proprietario, quelle esperibili dal titolare di un diritto di godimento su cosa altrui o dal possessore in quanto tale.
Tali azioni vengono qualificate come reali, in quanto offrono tutela per il solo fatto della violazione del diritto.
L'azione di rivendicazione, rientrante fra le azioni petitorie, tende ad ottenere il riconoscimento del diritto del proprietario sul bene e presuppone la mancanza del possesso da parte dello stesso; è imprescrittibile e richiede la dimostrazione del proprio diritto risalendo ad un acquisto a titolo originario.

L'azione negatoria è concessa al proprietario al fine di veder dichiarata l'inesistenza di diritti altrui sulla cosa o la cessazione di turbative o molestie; in questo caso al proprietario si richiede soltanto la prova, anche in via presuntiva, dell'esistenza di un titolo dal quale risulti il suo acquisto.
L'azione di regolamento di confini mira all'accertamento del proprio diritto nel caso in cui siano incerti i confini dello stesso rispetto a quello confinante; in tale ipotesi la prova del confine può essere data in qualsiasi modo.
Nell'azione di apposizione di termini, al contrario, ciò che si richiede al Giudice è l'individuazione, tramite indicazioni distintive, dei segni di confine tra due fondi confinanti.

L'azione confessoria è volta a far dichiarare l'esistenza del proprio diritto contro chi ne contesti l'esercizio, e a far cessare gli atti impeditivi al suo svolgimento.
A difesa del possesso incontriamo le categorie delle azioni possessorie e di enunciazione: le prime si distinguono nell'azione di reintegrazione, che mira a far recuperare il bene a chi sia stato violentemente o clandestinamente spogliato del possesso, da proporsi entro un anno dallo spoglio, e l'azione di manutenzione, proposta al fine di far cessare le molestie e le turbative all'esercizio del diritto.
L'azione di manutenzione, al contrario di quella di reintegrazione, ha una funzione conservativa, poiché mira alla cessazione della molestia per conservare integro il possesso, e una funzione preventiva, poiché può essere esperita anche verso il solo pericolo di una molestia.

Diversamente dalle azioni a difesa della proprietà, che impongono la prova del diritto, il possessore ha soltanto l'onere di dimostrare il possesso (in quanto questo prescinde dall'effettiva titolarità del diritto)
Le azioni di enunciazione, con le quali si tende alla eliminazione di un pericolo proveniente dal fondo vicino, si distinguono nella denunzia di nuova opera e di danno temuto; esse, infatti, vengono qualificate come azioni inibitorie, cautelari, che possono dar luogo a provvedimenti provvisori


spunti per approfondimento:
occupazione abusiva di immobile, risarcimento danni e restituzione, occupazione abusiva del conduttore, occupazione abusiva di posto auto assegnato, occupazione reiterata, occupazione prolungata, spazio comune, appartamento condominiale, area condominiale, case di proprietà occupate abusivamente








disclaimer

Tags: azione legale contro il detentore abusivo di un bene immobile, richiesta di restituzione dei frutti civili per detenzione abusiva immobile, richiesta di risarcimento danni per detenzione abusiva di immobile, art. 2033 c.c., ex art. 1148 c.c., azione di risarcimento danni da occupazione abusiva, azioni a tutela dei diritti di godimento e del possesso, diritto di godimento su cosa altrui, azione di rivendicazione, azioni petitorie, azione negatoria, azione di regolamento di confini, azione di apposizione di termini, azione confessoria, azioni possessorie e di enunciazione, azione di reintegrazione, azione di manutenzione, azioni inibitorie, azioni cautelari